Servizi e Sportelli Sociali

Prevenzione delle ondate di calore

Il progetto “Prevenzione delle ondate di calore” definisce azioni per prevenire i rischi le alte temperature estive possono provocare alle persone anziane, con  una situazione di fragilità elevata, determinata da problemi di natura sanitaria, condizioni sociali, economiche ed anagrafiche.
Il progetto è attivo di norma dalla metà del mese di giugno a metà settembre di ogni anno, anche attraverso un apposito sito internet di ARPA in cui è possibile verificare se sono previste in arrivo ondate di calore

La rete di sostegno
L'azione specifica del Comune è orientata alla costruzione di una rete di solidarietà a sostegno degli anziani e delle loro famiglie; la rete è resa possibile dal contributo delle Associazioni di volontariato, Centri Sociali e farmacie che, insieme al lavoro di Servizi di assistenza domiciliare, contribuiscono a realizzare le azioni previste.

I partner della rete
Il progetto è realizzato dal Comune di Bologna con la collaborazione dell’Azienda Usl di Bologna, di Arpa Emilia Romagna (Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente dell’Emilia Romagna), dell'Ufficio Protezione civile del Comune, dei servizi di ASP Città di Bologna e dei Servizi sociali dei Quartieri. Il coordinamento operativo è affidato a Cup2000, gli interventi professionali al Servizio Ages (Aldebaran gestione emergenza sociale).

Le Associazioni di volontariato coinvolte sono: AUSER (Associazione per l’autogestione dei servizi e della solidarietà), il Comitato Provinciale di Bologna della Croce Rossa Italiana, Anteas G.Fanin (Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà), Pubblica Assistenza Croce Italia, ANCeSCAO (Associazione Nazionale Centri Sociali e Aree Ortive) e altre Associazioni di volontariato operanti nei singoli Quartieri. Anche le Parrocchie di Bologna possono segnalare cittadini in condizione di fragilità e partecipare attivamente al progetto. Forniscono inoltre la loro attiva collaborazione le farmacie cittadine.

Per contatti: numero verde 800 562110 (servizio e-care di Cup2000)

Per approfondire
Scarica la guida prodotta da Auser
La sezione dedicata alle ondate di calore nel sito dell'ARPA (il...meteo regionale E.Romagna delle ondate di calore)
Ondate di calore nel sito del Ministero della Salute

Le domande ricorrenti (FAQ) sul tema Ondate di calore
Caldo e gravidanza
Migliorare il micorclima delle abitazioni in estate
...e se avete cani e gatti ecco i consigli anche per loro

 

Categorie di Utenza

  • Anziani

Dettagli utenza

L'azione di sensibilizzazione del Comune raggiunge  oltre 4000 anziani, individuati  in collaborazione con l'Azienda Usl di Bologna, a cui viene inviata una lettera con le informazioni relative al progetto, il numero verde da contattare e i consigli da mettere in atto, per proteggersi dalle giornate caratterizzate da ondate di calore. Si tratta di cittadini ultra-sessantacinquenni, con  una situazione di fragilità elevata, determinata da problemi di natura sanitaria, condizioni sociali ed economiche, individuato  dall'Azienda Usl.
Il numero verde 800 562110 è disponibile anche per coloro che non hanno ricevuto specifica comunicazione.

Servizi offerti

Servizi previsti dal progetto

Servizio telefonico ondate di calore del Comune di Bologna - numero verde 800 562110, la centrale operativa potrà essere raggiunta telefonicamente dagli anziani e ha finalità di informazione, monitoraggio, prevenzione, con attivazione, in caso di valutazione di necessità, dei servizi di seguito elencati a favore dei cittadini destinatari del progetto, individuati sopra:

1. Servizio specifico di assistenza domiciliare: di tutela e monitoraggio rivolto ai cittadini individuati come fragili che effettuano richieste di aiuto al numero verde 800 562 110 o per i quali la centrale operativa telefonica, valuta condizioni di bisogno, rischio o disagio sociale. L’intervento domiciliare può perdurare per l’intero periodo estivo secondo un apposito piano assistenziale personalizzato; qualora lo stato di bisogno non si risolva verrà effettuata segnalazione ai servizi sociali territoriali.

2. Servizi offerti dal volontariato: le associazioni di volontariato saranno in rete con il servizio telefonico emergenza caldo e con il servizio specifico di assistenza domiciliare; si attiveranno per la segnalazione di situazioni di emergenza, e per la tutela, il monitoraggio e la compagnia, eventuali accompagnamenti e consegna spesa a domicilio.

3. Servizio di Supporto infermieristico Telefonico - Nel caso in cui gli operatori del Call Center individuassero l’insorgere di condizioni sanitarie problematiche, legate o meno alle ondate di calore, verrà attivata una apposita équipe di Infermieri Professionali messi a disposizione dall’AUSL di Bologna. Gli Infermieri si metteranno in contatto con l’utente, forniranno consigli ed indicazioni, e valuteranno l’eventuale l’opportunità di rivolgersi al Medico di Famiglia dell’assistito, oppure direttamente ai servizi di Emergenza.

4. “Consegna di farmaci” a domicilio in situazione di necessità, da parte delle farmacie private aderenti a Federfarma Bologna e delle farmacie comunali di AFM S.p.A.

Piano MAIS
Fra le misure  predisposte nel progetto “Prevenzione delle Ondate di Calore”, è compreso il Piano Mais (Monitoraggio Anziani in Solitudine), ulteriore procedura interna al presente progetto, che scatta solo se si verificano condizioni meteo particolari (quando è prevista un'ondata di calore persistente per un lungo periodo consecutivo, l'Azienda Usl valuta la possibilità di attivare questa ulteriore procedura).
In questo caso Cup 2000 mette a disposizione alcune postazioni del Call Center per le chiamate verso gli anziani più fragili e le associazioni partecipanti mettono a disposizione alcuni loro volontari per effettuare le chiamate ed altri per visite di monitoraggio a domicilio, che, in seguito alle chiamate effettuate dai volontari, risultassero suscettibili di intervento.  In tal modo si incrementano i contatti telefonici finalizzati al monitoraggio ed alla prevenzione dei rischi nel periodo di maggiore emergenza.