Servizi e Sportelli Sociali

Assegno di cura

L'assegno di cura è un contributo economico ai fini del mantenimento dell'anziano non autosufficiente al proprio domicilio. Si colloca fra gli interventi volti a promuovere la domiciliarità e a ridurre il ricorso a ricoveri in strutture residenziali. Costituisce un sostegno al lavoro di cura di familiari e caregiver impegnati nell'assicurare parte del piano individualizzato di cura.

Requisiti
- Essere residenti e domiciliati nel Comune di Bologna
- Età superiore ai 65 anni o oltre i 50 per adulti affetti da patologie di tipo geriatrico
- ISEE (ai sensi del, DPCM 5/12/13 n.159) non superiore ad euro 25.000,00.

Il limite ISEE costituisce solo uno degli elementi che è necessario possedere per poter attivare un piano individualizzato di assistenza che comprenda l'erogazione di un assegno di cura. Non si configura come sussidio economico a domanda, bensì è soggetto a valutazione sociosanitaria che tiene presente gli aspetti di appropriatezza e di priorità, anche in relazione alle risorse disponibili per tale linea di intervento.

Si allegano il regolamento e i criteri operativi come da delibera Azienda USL Bologna n.66 del 15.4.2011


(Si precisa che le soglie ISEE riportate nel Regolamento sono sostituite da quelle previste dalla DGR 2308/2016, pari a 25.000 € per l'assegno di cura e 20.000 € per il contributo aggiuntivo).

Dove rivolgersi
Per accedere a questa opportunità è necessario rivolgersi allo Sportello sociale del proprio Quartiere, onde ricevere tutte le informazioni del caso ed ottenere eventualmente un appuntamento con l'Assistente sociale per la valutazione della effettiva condizione di bisogno, del'impegno assistenziale della famiglia o del richiedente, del livello di gravità e della situazione di disponibilità economica.
L'erogazione del contributo avviene in base alla valutazione dell’U.V.M. (Unità di Valutazione Multiprofessionale) e nell'ambito di un progetto individualizzato di vita e di cura, qualora si ravvisi che tale contributo costituisce sostegno economico indispensabile alla permanenza al domicilio della persona anziana. Non si configura tuttavia come sussidio economico "a domanda".

E' inoltre eventualmente possibile accedere anche al contributo aggiuntivo "badanti" per coloro che, usufruendo dell'assegno di cura, hanno anche attivato un regolare contratto di lavoro con una assistente famigliare (badante) e non superano un ISEE di 20.000 euro.

Per ulteriori approfondimenti consulta la pagina dedicata all'assegno di cura nel sito saluter.it della Regione E.Romagna

 

Categorie di Utenza

  • Anziani

Documentazione richiesta

ISEE
Certificazione sanitaria

Normativa di riferimento

- Legge Regionale 5/1994 "Tutela e valorizzazione delle persone anziane - interventi a favore di anziani non autosufficienti".
- Direttiva regionale 1377 del 26 luglio 1999 "Direttiva sui criteri, modalità e procedure per la contribuzione alle famiglie disponibili a mantenere l'anziano non autosufficiente nel proprio contersto" e successivi aggiornamenti
- Legge regionale ER 2/03
- DGR 2686 del 20/12/2004
- Delibera Azienda USL Bologna n.66 del 15.4.2011
- DGR 249/2015, 2146/2015, 875/2016
- DGR 2308/2016

 

 

Tempi di rilascio

Il procedimento si conclude entro 90 giorni dall'avvio. La liquidazione dell'assegno è effettuata dopo la sottoscrizione del contratto tra Azienda USL e beneficiario anziano o suo delegato.