Tutta la città in silenzio per i defunti venerdì 27 marzo alle 12

27 Marzo 2020

La città di Bologna si è fermata ed è rimasta in silenzio per un minuto alle 12 di venerdì 27 marzo, in memoria di tutti i defunti di questo periodo di emergenza sanitaria legata al coronavirus. Alla stessa ora i rintocchi a lutto della grande campana della Torre dell’Arengo di Palazzo Re Enzo, hanno suonato all’unisono con tutte le campane delle chiese della città. All’imbrunire, poi, la facciata di Palazzo Re Enzo che dà su Piazza Maggiore si illuminerà con i colori della bandiera italiana.

Così il Comune di Bologna chiama tutta la città a un abbraccio collettivo a tutti coloro che hanno perso un familiare, un congiunto, un amico. La decisione è stata condivisa dal Sindaco Virginio Merola e dall’Arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Maria Zuppi.

Guarda l'appello del Sindaco Virginio Merola e dell'Arcivescovo Matteo Maria Zuppi.

“Sarà un momento per ricordare tutte le persone che, in questi drammatici giorni, ci hanno lasciato senza che si potesse dare loro un funerale adeguato – aveva affermato il Sindaco Virginio Merola -. Il pensiero va anche ai loro parenti e amici: questo minuto di raccoglimento alle 12, allo scoccare della campana, è un modo simbolico ma concreto di far sentire l’abbraccio di tutta la nostra comunità”.

Il Sindaco alle 12 si è recato in Piazza Maggiore dove si è raccolto in silenzio durante il minuto di silenzio insieme all'Arcivescovo, al Rabbino capo della Comunità Ebraica di Bologna Alberto Sermoneta, al Presidente della Comunità Ebraica di Bologna Daniele De Paz, e al Coordinatore della Comunità Islamica di Bologna Yassine Lafram.

Guarda il video del minuto di silenzio con i rintocchi della campana della Torre dell'Arengo.