Agenda per l'occupazione

22 Febbraio 2013

Ammonta a 1 miliardo di euro il totale degli interventi ed investimenti pubblici e privati per lo sviluppo territoriale nel periodo 2013-2016, già finanziati e programmati, dei quali l'Amministrazione è direttamente responsabile per la durata del mandato. 

Il Comune di Bologna ha inoltre predisposto fondi e interventi diretti per l'occupazione e le imprese per 16 milioni di euro, oltre a un fondo di comunità dedicato a lavoro e welfare. Nel prossimo Bilancio si prevedono misure per i lavoratori e le famiglie svantaggiate.

Per monitorare i progetti in corso, Sindaco e Giunta hanno deciso di dotarsi di uno strumento di controllo e rendicontazione pubblica: L'Agenda del Comune di Bologna per l'occupazione 2013-2016. L’Agenda sarà pubblicata online e aggiornata periodicamente con lo stato di avanzamento dei singoli progetti dell’Amministrazione finalizzati all'obiettivo occupazione. Si tratta di uno strumento che tiene conto di politiche ed azioni per lo sviluppo territoriale, condivise da altri enti pubblici e soggetti privati. 

Le priorità dell'Agenda sono: attrazione e realizzazione investimenti ad alto impatto; supporto settori competitivi e/o in crescita; supporto imprese, lavoratori, famiglie colpite dalla crisi e rafforzamento sistema territoriale. In particolare verranno realizzati focus strategici che riguarderanno: rinascimento manifattura e industrie creative; internazionalizzazione sistema urbano, innovazione sociale, riforma e tenuta servizi educativi e welfare, rigenerazione urbana.

 

I temi dell'Agenda sono tre:

1 - Dossier interventi e investimenti pubblici e privati per lo sviluppo territoriale 2013-2016: 1 miliardo di investimenti già finanziati e programmati.

2 - Fondi e interventi diretti del Comune di Bologna per l'occupazione e le imprese: 16 milioni di euro nel periodo 2013-2016. 

3 - Prime linee programmazione Fondi strutturali 2014-2020: FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e FSE (Fondo Sociale Europeo).

 

Quattro le tematiche principali riguardanti i fondi:

- Lavoro, competitività sistemi produttivi e innovazione

- Valorizzazione, gestione e tutela dell'ambiente

- Qualità della vita e inclusione sociale

- Istruzione, formazione e competenze

 

(Foto con licenza Creative Commons. Fonte Flickr)